8 Maggio 2017

Il riciclo di carta e cartone in Italia, una storia a lieto fine

In occasione dell'appuntamento "RicicloAperto", Comieco ha lanciato un contest per premiare le migliori "Storie di carta"


Ogni anno in Italia 3 milioni di tonnellate tra carta e cartone evitano la discarica grazie al ciclo del riciclo e 8 imballaggi su 10 vengono riciclati. Facendo una media nazionale, ogni italiano raccoglie in media oltre 51 kg di carta e cartone all’anno.

È al tema del riciclaggio di carta e cartone che è stata dedicata la tre giorni RicicloAperto, dal 2001 appuntamento annuale organizzato da Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) in collaborazione con la Federazione della filiera della carta e della grafica, Assocarta e Assografici e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Anci, Fise Assoambiente, Fise Unire, Unirima e Utilitalia.

Il 26, 27 e 28 aprile 111 impianti della filiera carataria in tutta Italia hanno aperto le loro porte, facendo scoprire ai cittadini come e dove vengono riciclati la carta e il cartone che tutti i giorni separiamo dal resto dei rifiuti.

“Grazie all’industria del riciclo, una scatola avviata a riciclo torna in vita in due settimane, mentre un foglio di giornale dopo solo una”, ha detto Piero Attoma, presidente di Comieco. “Dal 2001 a oggi, l’impiego della carta da macero nel sistema cartotecnico, editoriale e di stampa è quasi raddoppiato, passando dal 45% all’80%; nel 2016 l’industria cartaria ha utilizzato oltre 4,5 milioni di tonnellate di macero per la produzione di nuovi imballaggi e oggi il 90% degli imballaggi è realizzato in materiale riciclato”.

Anche se la maggior parte di carta e cartone usati prende quindi la strada virtuosa del riciclo, ci sono però tanti oggetti di carta che è impossibile buttare perché rivestono un significato importante nei nostri cuori. Secondo una ricerca commissionata da Comieco ad Astra Ricerche, i ricordi di carta che non mancano nelle nostre casa sono soprattutto legati a traguardi scolastici come diplomi o certificati di laurea (conservati da 3 italiani su 4), pagelle (65%), temi svolti a scuola (37%) oppure di ricordi sentimentali legati alla famiglia o al proprio percorso di vita come le fotografie (considerate preziose dall’80% degli intervistati), cartoline e biglietti d’auguri (rispettivamente 71% e 70%) o ancora le lettere, conservate dal 66% del campione.
Tra gli altri oggetti conservati figurano il libro preferito (67%), un disegno (60%), il biglietto di un viaggio o concerto (54%), le figurine (32%), le copertine di dischi (31%), un vecchio passaporto (30%). E qualcuno ha conservato anche una scatoletta che ha contenuto qualcosa di speciale (3,5%).

Da questa idea nasce il contest “Storie di carta”, aperto alle classi (fino al 20 maggio) o ai singoli (fino al 20 giugno): 2000 battute per parlare di un ricordo legato a quel pezzo di carta che, in un modo o nell’altro, ha influito sulla nostra vita.

 

[http://www.panorama.it/]


CRCM

L’industria del riciclo è oggi una risorsa fondamentale del sistema Paese e contribuisce in maniera sostanziale all'esigenza dello sviluppo economico e alla tutela dell'ambiente. CRCM Srl offre servizi alle imprese che, attraverso il proprio ciclo produttivo, generano Rifiuti speciali, garantendone per quanto più possibile il recupero o il corretto smaltimento.

Il nostro impianto
L'impianto di CRCM