29 Aprile 2016

Terranuova vince la IV edizione di “Per un pugno di rifiuti”

Nella finale di mercoledi battuta di misura la scuola media di Laterina


Si è conclusa la IV stagione del nostro gioco a premi televisivo “Per un pugno di rifiuti”, coprodotto da CSAI, CRCM, TB e SEI Toscana e trasmessa dall’emittente Valdarno Channel.

Nella finale, disputata mercoledi 27 aprile, l’ha spuntata proprio all’ultima domanda l’istituto  “Giovanni XXIII” di Terranuova Bracciolini, battendo la scuola media di Laterina, che è uscita a testa alta da questa avvincente sfida in tema di rifiuti.

La classe III della scuola terranuovese (nella foto), accompagnata dal prof. Puopolo Lorenzo, oltre a conquistare il titolo di campione di questa edizione, potrà anche godersi, i primi di giugno, il premio messo a disposizione dagli organizzatori, cioè la gita a Mirabilandia.

A tutte le scuole partecipanti, inoltre, verrà consegnato un premio di partecipazione, consistente in attrezzatura hardware a scopi didattici, che sarà consegnata durante il consueto Gran Galà finale che si svolgerà a metà maggio presso l’istituzione Le Fornaci di Terranuova Bracciolini.

Per chi si fosse perso qualche puntata della trasmissione, è possibile collegarsi a questo sito per rivivere l’emozionante sfida tra le scuole medie del Valdarno: http://www.tgvaldarno.net/category/on-demand/

A tutti i partecipanti il nostro ringraziamento per l’entusiasmo dimostrato nel corso delle 10 puntate  ed in particolare agli insegnanti ed ai dirigenti scolastici che hanno aderito al nostro progetto educativo. L’appuntamento quindi è per la prossima edizione di “Per un pugno di rifiuti”.


CRCM

L’industria del riciclo è oggi una risorsa fondamentale del sistema Paese e contribuisce in maniera sostanziale all'esigenza dello sviluppo economico e alla tutela dell'ambiente. CRCM Srl offre servizi alle imprese che, attraverso il proprio ciclo produttivo, generano Rifiuti speciali, garantendone per quanto più possibile il recupero o il corretto smaltimento.

Il nostro impianto
L'impianto di CRCM